Idee per guadagnare su internet
Guadagnare con il tuo tempo

Le foto del tuo smartphone possono produrre un guadagno extra

Le foto contenute nei nostri smartphone possono avere un valore commerciale inaspettato grazie ad alcune app che ci possono aiutare.

Foto straordinarie, foto particolari, foto strane, foto fuori del comune o foto banali: i nostri smartphone sono testimoni di momenti particolari o momenti qualsiasi, ma comunque momenti unici.

E anche se non siamo fotografi esperti, ormai gli smartphone sono dotati di fotocamere incredibili e software super-intelligenti, che non faranno di noi il nuovo Avedon … però se la cavano piuttosto bene.

Quindi qualcuno (anzi, più di qualcuno a dire il vero) ha ben pensato di creare app che prendono le nostre foto e le mettono a disposizioni di chi cerca quei momenti, quelle scene, quelle situazioni che abbiamo registrato.

La bella notizia è che – giustamente – ci pagano per poterle usare 🙂

Alcuni di questi servizi li conosciamo da tempo, come Shutterstock o Adobe Stock; alcun sono pensati per funzionare solo nello smartphone, altri hanno anche il sito e – volendo – possiamo caricare il nostro archivio foto dal PC.

Altri ancora funzionano anche su commissione: è il cliente che posta le sue esigenze (mi serve una foto di un cane, di un pagliaccio, di una spiaggia) e noi possiamo così partecipare a una sorta di contest per aggiudicarci il compenso messo a disposizione.

E così il panorama si estende e diventa una formula interessante anche per i “veri” fotografi, quelli che le foto le sanno fare davvero.

Snapwire per esempio è uno di questi, dove possiamo pubblicare foto in risposta alle richieste di piccole o grandi imprese, brands o creativi che cercano immagini che rispondano a determinati criteri.

Oppure Foap, un’app che ci consente di mettere le nostre foto a disposizione di un mercato di utilizzatori commerciali sempre più ampio, sia nella formula Marketplace (noi postiamo le foto e aspettiamo che qualcuno ne faccia richiesta) oppure Missions (è il committente che posta un brief e noi partecipiamo con le nostre proposte).

O ancora EyeEm, dove però è il servizio che approva preliminarmente le nostre foto prima di renderle disponibili al mercato.

Ecco un po’ di link:

Dulcis in fundo, se siete fotografi “veri” e avete foto di spessore, su Catawiki (il sito delle aste online “di qualità”) c’è una sezione di tutto rispetto dedicata alla Fotografia, quella con la F maiuscola, che trovate qui: https://www.catawiki.com/en/c/746-photography .

Non resta che provare, siamo tutti pieni di foto nei nostri smartphone: e se non siete abbastanza motivati, leggete il nostro articolo sui motivi principali per cui alcuni non riescono a creare una rendita alternativa: https://nonsolosoldi.click/per-3-motivi-molti-falliscono-nel-creare-una-rendita-passiva/